Sailing Cup | Roma-Giraglia

Adventure Addicted è entrata nel mondo della vela, grazie a Palinuro la nuova barca di Gianluca Lamaro, un J-99 attrezzato a tutto punto per le regate.

 

Gianluca non è certo nuovo al mondo delle regate avendo già partecipato alle Olimpiadi di Seul e di Los Angeles con il Soling e ad una Coppa America con il Moro di Venezia per non parlare degli innumerevoli campionati italiani, europei e mondiali su Soling e 470.

Foto 22 09 20, 07 52 01 min

Il capitan Lamaro al timone di Palinuro

Il resto dell’equipaggio è composto da Pietro e Paolo Lamaro, figli di Gianluca, Corso Quilici, Michele Ungaro ed Ercole Petraglia (di seguito in foto).

La passione per la vela è qualcosa che scorre nel sangue dei Lamaro da sempre e quindi Palinuro rappresenta la realizzazione di un traguardo discusso da tempo, quello di poter competere su una barca tutta loro, ovviamente firmata AA.

Roma-Giraglia (Giraglione)

 

Dopo aver partecipato al campionato Italiano Assoluto di Vela d’Altura a Gaeta ed aver quindi rodato e testato l’imbarcazione, quale migliore esperienza della Roma-Giraglia per dare il via alle avventure di Palinuro.

Riva di Traiano mappa

La Roma-Giraglia parte da Riva di Traiano il 20 Settembre fino ad arrivare a Capo Corso e quindi allo scoglio della Giraglia, che sarà da lasciare a dritta e rappresenta il giro di boa della regata, che conta un percorso complessivo di 255 miglia nautiche.

 

Questa regata presenta paesaggi mozzafiato, albe e tramonti fantastici ed almeno due notti da trascorrere in mezzo al mare.

Quest’anno le condizioni meteo sono state a dir poco variegate, spaziando dal sole a pioggia e fulmini, dal vento forte alla bonaccia, attraverso le quali il capitano Lamaro si è destreggiato con sapienza. Questo ha comportato che la regata durasse 69 ore totali per il nostro team, facendolo posizionare al terzo posto della classifica per equipaggi.

Un ottimo risultato per la prima regata d’alto mare di Palinuro, che ci fa più che ben sperare per il suo futuro.

La parte più bella di queste regate è la totale immersione nella natura e nei suoi elementi dei quali inderogabilmente si è in balia quando si va’ a vela. Pietro ci ha raccontato la meraviglia, ma anche la paura, del vedere all’orizzonte un temporale o una piccola tromba d’aria, proprio lungo la rotta, entrarvi con forti venti e pioggia e poi uscire per ritrovare il sole e venti sorprendentemente quieti. Inoltre il mare brulicava di tonni e delfini che spesso gli han fatto da compagni di viaggio, per rendere ancora più suggestivo lo scivolare sul mare al ritmo del vento.

Siamo ansiosi di continuare a seguire le avventure di Palinuro e di vedere dove ci porteranno: STAY TUNED!

Adventure Addicted
Autore
Gabriele Simonetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *